DIVENTARE UN VERO LEADER

I principi della Lean Leadership

 

Che cosa succede nella mente di un Leader?

Nella leadership si cela la chiave esecutiva del successo, poichè è grazie ad essa che il motore dell’azienda può funzionare in modo ottimale.

Infatti, dietro a un’impresa di successo c’è sempre un grande condottiero con una grande squadra.

Il vero Lean Leader o Lean Manager è colui che sa portare in azienda un modo di lavorare che si basa sui 14 Principi di Lean Leadership.

Questi tengono insieme la struttura dell’impresa in modo ottimizzato ed efficiente, rispettando al contempo gli incarichi e i bisogni di tutti i dipendenti.

I 14 principi sono stati sviluppati da Toyota, e sono oggi utilizzati da molte imprese di successo come fulcro per un approccio manageriale dai risultati comprovati e misurabili.

I 14 Principi del Vero Lean Leader:

 

  1. Elaborare un metodo di lavoro a lungo termine alla base di ogni decisione aziendale

A costo di affrontare spese nel breve periodo, è importante mantenere salda la macro filosofia che regge e ottimizza le operazioni dell’impresa: una cultura del miglioramento continuo e dell’ottimizzazione di tutti i processi aziendali.

  1. Ambire a un flusso di lavoro continuativo fa emergere i problemi e le loro cause

Il buon leader si assicura che il processo di lavoro segua un flusso costante e ininterrotto, poichè questo è sinonimo di riduzione degli sprechi e risparmio di tempo.

  1. Usare il sistema Pull per evitare la sovrapproduzione

Il binomio domanda-offerta segue raramente un andamento regolare. Ecco perchè è importante avere dei processi che possano supportare il più possibile una produzione personalizzata sulle esigenze del cliente.

  1. Suddividere la produzione

Conseguenza e risvolto di quanto descritto nel principio precedente, è il carico di lavoro sbilanciato. La suddivisione corretta riesce a evitare moli giornaliere eccessive alternate a periodi di inattività.

  1. Risolvere i problemi fino in fondo e in un solo intervento

Per portare subito qualità completa al prodotto e ridurre al minimo il rischio di eseguire rielaborazioni.

  1. Standardizzare significa miglioramento costante

Creare un processo basato sulla “best practice” (pratica migliore)  è il miglior modo per ottimizzare i tempi e far emergere le falle nella catena di produzione, sia essa di servizi o prodotti.

  1. Controllo visivo pubblico

Rendere pubblico e visibile un progetto serve a rendere tutti i dipendenti partecipi, massimizzando le opportunità di crescita e l’individuazione dei problemi.

  1. Utilizzare esclusivamente tecnologie testate ed affidabili

Fare affidamento a una tecnologia, sia essa software o hardware, significa investire una grande quantità di denaro in uno strumento che permetta di fornire i servizi aziendali. Ecco perchè è importante ridurre il rischio al massimo e scegliere programmi e macchinari comprovatamente sicuri.

  1. Creare una linea di “successori” che promuovano una filosofia unica

Il metodo Lean si basa sul comprendere che i problemi nei processi sono da attribuire ai sistemi e non alle persone. Il Lean Leader insegna ai suoi pari a trasmettere una cultura del miglioramento e dell’apprendimento di sistemi che si sono dimostrati funzionali.

  1. Motivare dipendenti e collaboratori a seguire la stessa filosofia

Il potenziale degli individui che lavorano in azienda è sempre pronto ad essere colto e sviluppato. Con la cooperazione di tutti i team che lavorano verso un unico obiettivo e con una metodologia unificata, si può raggiungere il successo in tempi rapidi e minimizzando gli errori.

  1. Aiutare fornitori e partners e spingerli a migliorare

I collaboratori, anche se esterni, fanno comunque parte della catena di produzione. In questo senso, fornitori e partner dovrebbero essere resi partecipi dei valori chiave dell’impresa e parte della filosofia interna.

  1. Osservare la situazione in prima persona

E’ sul posto di lavoro fisico che emerge la totalità di un’azienda. La presenza fisica e il supporto di un Leader influenzano positivamente il morale dei dipendenti, permettono di identificare gli sprechi in breve tempo e prevengono prestazioni di scarsa qualità.

  1. Decisioni ponderate ed esecuzione rapida

Il consenso non è solo una forma democratica di gestione, ma permette di assicurarsi che tutti i membri coinvolti abbiano compreso e condividano la strategia in questione. Assicurata la funzionalità e l’approvazione di un metodo risolutivo, questo dovrebbe essere implementato il prima possibile.

  1. Diventare un’organizzazione che apprende dal miglioramento continuo e dall’autovalutazione

Migliorare vuol dire mettere alla prova tutto ciò che ci circonda (processi, sistemi e persone). Allo stesso tempo, offrire una sfida a un dipendente significa dargli l’opportunità di prendere parte al miglioramento globale e, in alcuni casi, di distinguersi.

 

Le Domande di un Leader

 

Un buon leader è colui che sa osservare la situazione: l’occhio critico e analitico di un capo è lo strumento di partenza per individuare il percorso verso un obiettivo strategico.

In questo senso, ecco alcuni dei quesiti che un vero Lean Leader è tenuto a porsi:

  • Stiamo usando il talento di ogni membro del nostro Team?
  • Chiediamo ai dipendenti sufficienti feedback sui processi?
  • Stiamo curando i sintomi o le cause?
  • Abbiamo tutti gli strumenti per risolvere un problema?
  • Ci sono conflitti procedurali o di integrità nelle soluzioni proposte?

 

Ciò che si ottiene da queste domande è un risultato duraturo e funzionale, una base portante che sosterrà l’azienda e darà spunti per ulteriori miglioramenti.

Ecco perchè la mente di un Leader è uno spettro organizzato di quesiti e soluzioni, unificate dal coraggio di mettere in moto il cambiamento ed affidarlo a chi ha le competenze per completarlo.

Diventa oggi un simbolo del cambiamento: puoi ottenere la certificazione ISO 18404 di Lean Leader accedendo direttamente al nostro corso.

VUOI SAPERNE DI PIU O HAI UNA DOMANDA?

Compila il form qui sotto per ottenere immediatamente la nostra guida ai corsi con tutte le informazioni che ti servono.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.